sabato 22 novembre 2008

Dalla parte degli autori

Un post scritto sul blog http://31ottobre.blogspot.com/ riguardante una risposta di Umberto Eco ad uno scrittore in erba che gli aveva chiesto di leggere un manoscritto, mi ha fatto pensare una cosa: che nessuno si mette dalla parte degli autori, di quei ragazzi, ragazze, uomini e donne che impiegano mesi per scrivere un romanzo e che lo spediscono con la consapevolezza che non avranno mai risposta. Non parlo di quelli che non sanno cos'è una d eufonica, che finiscono di scrivere alle dieci di sera e alle dieci e cinque hanno stampato e impacchettato tutto, parlo di chi conosce le regole basi del buon rapporto con un editore, quelle regole implicite che dobbiamo rispettare per essere presi in considerazione: scrivere una buona lettera di presentazione, correggere e rileggere il proprio scritto, farlo leggere per avere altri giudizi, ecc..
Nonostante questo una risposta non ci è dovuta.
Per questo ho deciso di scrivere la seguente lettera aperta agli editori.



Cari editori,
non sto scrivendo per elemosinare una pubblicazione. So benissimo che se anche dovesse succedere un tale nefasto evento, dovrei comunque partecipare a tutti i concorsi statali e trovarmi un vero lavoro se voglio tirare avanti.
Vi scrivo per elemosinare una risposta.
Non sono tra chi pensa che il proprio manoscritto sia un capolavoro, i Promessi Sposi del ventunesimo secolo; non sono, ahimè, il Gadda che state aspettando. Sono soltanto una persona umile e, credo, abbastanza seria quando scrive.
Per questo motivo non vi chiedo di pubblicarmi, chiedo semplicemente una risposta, che sia positiva o negativa. Spedire un manoscritto è diventato una spesa quasi insostenibile. Ci vogliono circa dieci euro per stampare un manoscritto di centocinquanta pagine e altri cinque per l'imballo e la spedizione per un totale di quindici euro. Siete tante, care case editrici, se dovessi mandare a tutte un manoscritto del genere dovrei vendere un rene. E purtroppo ne ho soltanto due.
Potrei considerare quei quindici euro un investimento se fossi sicuro che il plico arriva a destinazione. Non faccio qualunquismo, però siamo in Italia e le Poste risentono di quegli alti e bassi che ogni attività poco sorvegliata ha. Cosa chiedo? Un'email. Tutti nella loro lettera di presentazione specificano un indirizzo email. Copiare e incollare quell'indirizzo e rispondere “No grazie non ci interessa” è questione di secondi. Si possono spedire anche cinquanta email alla volta. Non è un investimento importante in termini di soldi e tempo e credo che, in fondo, ci sia dovuto. Se poi qualcuno se la prende, beh, ignoratelo, non merita altra attenzione e non merita che a causa sua venga a mancare quel piccolo gesto che molti autori aspettano trepidanti.

5 commenti:

Gloutchov ha detto...

Ciao Mirco,
Ti ringrazio per aver citato il mio post e il mio blog.
Devo dire, in difesa degli editori, che nelle mie ultime esperienze ho avuto rapporti più che gentili. Come sai ho due manoscritti in valutazione e, fino ad oggi, sebbene non mi abbiano risposto tutti quanti (a valutare un testo di può volere molto tempo... Lo riconosco), ho avuto molti feedback. Lettere cordiali di rifiuto, alcune motivate altre no, e lettere con consigli su come modificare il testo. Alcuni editori, lo ammetto, si son mostrati chiedendo un contributo.. Sigh!
Insomma, ciò che dice Eco è verissimo ma qualche nome editoriale ha ancora voglia di parlare con noi... Non tutti, forse, ma qualcuno c'è ancora ^_^

Angelo ha detto...

Ciao Mirco!
Interessante il tuo blog.
Perché non attivi i feed rss, così sarebbe più facile seguirlo?

ciao
Angelo

Mirco Corridori ha detto...

ciao Glauco, grazie per avermi scritto qui! :D
Come ho detto nel post preferisco una lettera di rifiuto al silenzio. Almeno sono sicuro di non aver completamente buttato al cesso i 15 euro che ho usato per spedirlo!

Ciao anche a te Angelo, attivo subito i feed!

Angelo ha detto...

Perfetto.
Feed sottoscritto ;)
Thanks

Dr Rex ha detto...

Ciao,

Siamo qui ancora una volta a comprare rene per i nostri pazienti e hanno accettato di pagare una buona somma di denaro a tutti coloro che desiderano donare un rene per salvare loro e quindi se siete interessati ad essere un donatore o se si vuole salvare una vita, si sta per scrivere sul l'e-mail qui sotto.

Questa è un'opportunità per voi di essere ricco va bene, vi assicuriamo e Gurantee si del 100% delle transazioni al sicuro con noi, tutto sarà fatto secondo la legge guilding donatori di rene.
Quindi, non perdere altro tempo, gentilmente scrivere noi su irruaspecialisthospital20@gmail.com

Irrua ospedale specializzato di insegnamento.